Lascia un commento

Colognola Eretica Notizie / Settembre 2013

Ecco l’ultimo lavoro targato Colognola Eretica! Un esempio di come si possa essere radicali in tanti modi diversi, agendo su vari livelli… “think global, act local”……no?!

COLOGNOLA ERETICA

Nei prossimi giorni (quasi) tutte le famiglie colognolesi riceveranno il bollettino di libera informazione COLOGNOLA ERETICA NOTIZIE!
050920131063Se non riuscite a resistere e state impazzendo dalla curiosità, potete scaricare subito il nostro bollettino in formato pdf cliccando QUI.

BUONA LETTURA!

View original post

3 commenti

21/08/2013 :: Assemblea Radicali Verona per la campagna referendaria

Mercoledì 21 agosto alle ore 20:30 presso il MILK LGBT Community Center (Via Nichesola 9, San Michele – Verona) si terrà un’assemblea aperta a chiunque, a Verona e provincia,  sia interessato alla campagna referendaria in corso.
www.referendumradicali.it

Contattateci per comunicare la vostra disponibilità ad essere presenti ai tavoli del prossimo week end!

VI ASPETTIAMO!

Per infoMattia Da Re / 3494669648 / mattia.da.re@live.it

Referendum 2013. Se non cambiano loro, Cambiamo Noi!

160820131039

1 Commento

07/08/2013 :: Assemblea Radicali Verona per la campagna referendaria

Mercoledì 7 agosto alle ore 20:30 presso il MILK LGBT Community Center (Via Nichesola 9, San Michele – Verona) si terrà un’assemblea aperta a chiunque, a Verona e provincia,  sia interessato alla campagna referendaria in corso.
www.referendumradicali.it

Contattateci per comunicare la vostra disponibilità ad essere presenti ai tavoli del prossimo week end!

VI ASPETTIAMO!

Per infoMattia Da Re / 3494669648 / mattia.da.re@live.it

Referendum 2013. Se non cambiano loro, Cambiamo Noi!

retro volantino

2 commenti

Referendum 2013. Se non cambiano loro, Cambiamo Noi!

l'eretico

Dodici referendum, oltre 500.000 firme in 90 giorni, ecco il nostro obiettivo. Pazienza se è estate, se fa caldo, se i talk-show vanno in vacanza. Pazienza se tanti cittadini, schifati dal sempre più evidente degrado istituzionale, non hanno proprio voglia di sentir parlare di politica. Noi radicali, si sa, siamo un po’ pazzi, ma non è solo questo che ci spinge a lanciarci oggi in un’impresa che sembra essere impossibile. In tanti anni di battaglie a difesa delle libertà individuali e dei diritti civili, abbiamo sempre giocato il possibile contro il probabile e qualche volta – chi l’avrebbe mai detto?! – ce l’abbiamo pure fatta. Abbiamo sempre voluto essere portatori di speranza, speranza di cambiamento, speranza di libertà. Oggi, esattamente con questo spirito, lanciamo una campagna referendaria che è un vero e proprio programma di governo incentrato su tematiche fondamentali che il Parlamento non affronterà mai. Dalla…

View original post 433 altre parole

Lascia un commento

Giovane veronese arrestato per 3 piante di canapa. È ora di dire BASTA!

A3131La violenza del proibizionismo distrugge ogni giorno la vita di cittadine e cittadini “colpevoli” di aver coltivato qualche pianta o di aver acquistato qualche grammo d’erba. Basta leggere le cronache per rendersi conto di quanto sia diffuso e trasversale il fenomeno – dal ragazzo appena ventenne, al sessantenne pensionato, dallo straniero che vive ai margini della società, al rampollo di buona famiglia, dall’operaio al professionista stimato. Questa volta lo Stato proibizionista e autoritario ha colpito un giovane veronese residente a Castel d’Azzano, come si può leggere su www.veronasera.it – che già condanna il ragazzo etichettandolo come “spacciatore” – «i carabinieri gli sono piombati addosso mentre erano appostati nei pressi del luogo dove lo spacciatore si prendeva cura delle piante». Sarebbe interessante conoscere i costi di questa eroica operazione che ha portato addirittura al sequestro di 3 piante di canapa e di qualche grammo di hashish, nonché all’arresto di un pericolosissimo criminale. Sarebbe interessante pure chiedere ai cittadini – che sono i datori di lavoro degli agenti, quelli che pagano loro gli stipendi – se ritengono utile impiegare carabinieri e polizia per dare la caccia a ragazzini (o anziani come capita talvolta!) che coltivano un paio di piante, o se non sarebbe meglio utilizzare le pattuglie per aumentare la sorveglianza in quei quartieri che vengono colpiti da ondate di furti – che restano puntualmente impuniti.

È urgente un cambio di direzione. Non è accettabile, in un Paese che vuole definirsi democratico e liberale, che lo Stato si arroghi il diritto di distruggere la vita di una persona per una pianta.

Se volete mettere fine a queste – e a tante altre! – follie, vi aspettiamo oggi, sabato 27 luglio, in Piazza Erbe, dalle 17:00 alle 24:00, dove potrete firmare i 12 referendum radicali, compreso il quesito che mira ad eliminare il carcere per le violazioni che riguardano fatti di lieve entità, come coltivazione domestica, possesso e trasporto di quantità medie, condotte border line tra consumo e piccolo spaccio.
Per approfondire clicca QUI.

Mattia Da Re – 349 4669648
Coordinatore Radicali Verona

1 Commento

Il Consiglio Comunale di Verona per un Veneto indipendente, omofobo e xenofobo

oam-daryl-stephens_smIl Consiglio Comunale di Verona – bocciando l’Ordine del giorno presentato dal consigliere Mauro De Robertis (PSI), che altro non chiedeva se non la revoca della famigerata mozione omofoba n. 336 del 1995 e il riconoscimento e il rispetto delle raccomandazioni e delle risoluzioni del Parlamento Europeo in materia di pari diritti e pari opportunità per persone omosessuali e transessuali – ha confermato ieri (giovedì 18 luglio) la sudditanza della maggioranza ai diktat clericali, nonché un evidente terrore di tutto ciò che è differente rispetto ai canoni imposti dalla cultura dominante.
Se non stupiscono e non meritano attenzione le prevedibili dichiarazioni del noto fondamentalista religioso Alberto Zelger e dell’esponente dell’estrema destra veronese Vittorio Di Dio, fanno invece riflettere le parole della più “moderata” Donatella Bovo, che ha dichiarato di non poter votare a favore dell’ordine del giorno in quanto il documento riporta un passaggio sulle adozioni omosessuali, che lei, da mamma, non può accettare perché dannose per la salute psichica dei bambini. Certo le sincere preoccupazioni di Bovo non si possono paragonare alle sparate di Zelger e Di Dio , ma ciò non toglie che si tratti di “paura e avversione irrazionale nei confronti dell’omosessualità”, ovvero di omofobia, dovuta probabilmente a ignoranza in materia di psicopatologia infantile (a volte essere mamme non basta).

Le paure sembrano dominare il consiglio comunale anche quando si parla di colore della pelle e così, dopo non aver detto “no” all’omofobia, i consiglieri di maggioranza hanno abbandonato l’aula al momento del voto sulla mozione a sostegno della Ministra Kyenge, perdendo l’occasione per prendere le distanze dalla xenofobia.

Unica nota positiva della seduta del consiglio è stata l’approvazione dell’Ordine del giorno a sostegno della proposta di legge regionale per l’indizione del referendum per l’autodeterminazione del Veneto. Hanno ragione gli esponenti della minoranza a sostenere che leghisti e tosiani hanno preso posizione solo a scopo propagandistico, ma ciò non toglie la bontà del documento che è stato approvato. L’autodeterminazione dei popoli è un principio fondamentale, garantito dal diritto internazionale, è quindi legittimo e auspicabile che anche il popolo veneto possa esprimersi.

Mattia Da Re

Lascia un commento

24/07/2013 :: Assemblea Radicali Verona per la campagna referendaria

retro volantinoMercoledì 24 luglio alle ore 20:30 presso il MILK LGBT Community Center (Via Nichesola 9, San Michele – Verona) si terrà un’assemblea aperta a chiunque, a Verona e provincia,  sia interessato alle campagne referendarie “Cambiamo Noi” e “Giustizia Giusta”.

www.cambiamonoi.it
www.referendumgiustiziagiusta.it

Contattateci per comunicare la vostra disponibilità ad essere presenti ai tavoli del prossimo week end!

VI ASPETTIAMO!

Per infoMattia Da Re / 3494669648 / mattia.da.re@live.it